An exploration of contemporary organizational artifacts and routines in a sustainable excellence context

Elias G. Carayannis, Evangelos Grigoroudis, Manlio Del Giudice, Maria Rosaria Della Peruta, Stavros Sindakis - Organizations and their members operate in increasingly complex, dynamic and even disruptive environments, with risk and uncertainty being major challenges. To that effect, data, information, knowledge, and respective competences are increasingly instrumental in enabling and sustaining organizational intelligence that translates into resilience in the shorter and sustainable excellence in the longer term. Therefore, the purpose of this paper is to explore the role of the artifacts and routines in a sustainable organizational excellence context.

Brexit Implications on Capital Market and International Financial Governance

Mavie Cardi - This paper assumes as a focal point the concept that the “post-Brexit” may represent a change of era for European and global financial service and particularly for capital market sector. The change of era produces new “global systemic interrelation” in which financial globalization, governance and regulation will give place to new, largely unknown complexities.

Organizzare le piccole imprese alla luce del Quarto Capitalismo

Romano Benini - Nell’economia italiana è forte il ruolo dell’artigianalità, che costituisce un aspetto di fondo, oltre la stessa dimensione delle imprese artigiane ed è significativa la capacità di produrre valore delle Piccole e medie imprese (PMI). Con la crisi del tradizionale modello industriale, i sistemi territoriali di PMI e le specializzazioni produttive, costituiscono il riferimento principale nell’affermazione delle produzioni del Made in Italy. La sfida dell’economia italiana riguarda la capacità di fare sistema e di rispondere alle potenzialità, determinate dalla prospettiva del Quarto capitalismo.

Ricapitalizzazioni e garanzie nelle crisi bancarie. Profili istituzionali e gestionali del caso italiano

Mavie Cardi - La gestione delle banche si colloca in un contesto istituzionale caratterizzato da una sempre più cospicua normativa regolamentare. Gli impatti negativi dei rischi bancari ne alimentano l'esigenza. Ne deriva la necessità di poggiare sulla regolamentazione le basi di riferimento per analisi svolte nella prospettiva di studi economico-gestionali che investono l'intero sistema bancario e finanziario.

Reti del lavoro e del welfare tra politiche pubbliche e necessità di riforma

Romano Benini - Le condizioni della disoccupazione riguardano soggetti che provengono spesso da situazioni di difficoltà e disagio sociale ed è prevalente la presenza di cittadini privi di adeguata qualifica professionale. Il deficit di occupabilità costituisce la condizione prevalente della disoccupazione italiana. Per questo motivo lo sforzo di rafforzamento dei servizi per l’impiego necessita la contestuale affermazione di reti territoriali in grado di coordinare i servizi sociali, gli enti formativi ed i servizi per il lavoro, così da promuovere politiche attive in grado di sostenere i mutamenti sociali e limitare la disuguaglianza.

Fabbisogni formativi e mutamenti sociali: lo scenario tra competenze chiave ed evoluzione della domanda delle imprese italiane.

Romano Benini - Il saggio intende esaminare l’evoluzione dei fabbisogni formativi dell’economia italiana in ragione delle caratteristiche delle competenze richieste, dei cambiamenti sociali e della dinamica occupazionale in corso. La situazione del rapporto tra la domanda e l’offerta di lavoro viene analizzata con particolare attenzione ai mutamenti sociali e agli aspetti relativi alle competenze chiave.

Mutamenti sociali e inclusione attiva

Romano Benini - Il testo affronta i temi della crescita economica e della disuguaglianza sociale, analizzando quale sia la relazione tra i due aspetti e quali le politiche sociali e di attivazione necessarie per evitare che i cambiamenti dell'economia producano diseguaglianza e povertà. Vengono approfondite le condizioni e le caratteristiche della disuguaglianza ìn Italia e dei contesti di povertà, con particolare attenzione alla povertà derivante dalla mancanza di lavoro o di condizioni di occupabilità.

Fare sviluppo. Welfare e politiche del lavoro per far crescere l’economia.

Romano Benini - Due grandi questioni nelle società dell’emisfero occidentale dominano oggi il conflitto sociale e politico. Da una parte, c’è la difficoltà delle istituzioni politiche statuali a stimolare e sostenere la crescita e ridurre le crescenti disuguaglianze generate da errate politiche economiche e sociali e da una globalizzazione senza regole. Dall’altra, c’è la difficoltà di assorbire la forza lavoro disponibile in presenza della radicale e rapida diffusione della tecnologia digitale e una altrettanto rapida obsolescenza delle competenze professionali della offerta, difficilmente ricollocabile senza efficienti ed efficaci servizi per l’impiego.